Skip to main content

Rivoluzione da Strada

La nuovissima gamma TCR è il risultato del lavoro di squadra che ha coinvolto ingegneri e sviluppatori di prodotti Giant, i massimi esperti di aerodinamica e alcuni dei migliori ciclisti professionisti di oggi. Da quando ha fatto il suo debutto più di 20 anni fa come una controversa bici da corsa con geometria compatta e un look totalmente differente rispetto a tutte le altre bici da corsa di quell'epoca, la TCR ha costantemente migliorato i limiti delle prestazioni su strada. È stato un punto fisso delle corse pro dal 1998, guadagnando vittorie nelle principali gare in tutto il mondo per oltre due decenni. Per creare la TCR più veloce di sempre il nostro team ha stabilito un obiettivo quasi impossibile: renderla ancora più efficiente. Per fare ciò, ci siamo concentrati su tre fattori chiave di prestazione: efficienza ai vertici della categoria, aerodinamica avanzata e controllo totale. Abbiamo analizzato ogni aspetto della bici, dalle materie prime ai nuovissimi processi produttivi. Alla fine, dopo diversi anni di ricerca, progettazione e sviluppo, la nuova TCR ha dimostrato di essere significativamente più aerodinamica rispetto alla generazione precedente, pur mantenendo il miglior rapporto rigidità-peso della sua categoria. Ogni forma dei tubi è stata modificata senza aggiungere un solo grammo e senza compromettere le qualità che hanno reso la TCR una bici da corsa di livello assoluto da due decenni. Continua a leggere per conoscere tutto riguardo l'ingegneria, lo sviluppo aerodinamico e i dettagli tecnici che rendono questa TCR la più veloce di sempre.

Evoluzione della TCR

Quando nel 1998 la prima TCR arrivò nelle gare pro con il Team ONCE, fu oggetto di numerose polemiche. Con la sua innovativa geometria Compact Road, rappresentò un chiaro distacco dal design standard della bici da strada che aveva prevalso per decenni. Ecco uno sguardo all'evoluzione della TCR nel corso degli anni.

2004

La TCR di terza generazione debutta al Tour de France con la squadra T-Mobile che vince la classifica a squadre al Tour per tre anni consecutivi (2004-2006).

2008

La TCR Advanced SL di quinta generazione viene presentata ai consumatori. Dispone di una serie di tecnologie rivoluzionarie tra cui un movimento centrale PressFit e il passaggio dei cavi integrato. L'anno seguente il pilota del Team Rabobank Denis Menchov vince il Giro d'Italia con la sua TCR.

2017

Il pilota del Team Sunweb Tom Dumoulin vince la classifica generale del Giro d'Italia sulla TCR di ottava generazione; inoltre, la squadra vince sia la classifica a punti (Michael Matthews) che la classifica scalatori (Warren Barguil) al Tour de France.

2020

Dopo un anno di sviluppo con i piloti del Team CCC e la vittoria al WorldTour di Greg Van Avermaet in sella al suo esclusivo prototipo TCR al GP Cycliste de Montréal 2019, viene presentata al pubblico la nona generazione di TCR Advanced SL.

Lo Sviluppo della Nuova TCR

Ogni bici della gamma TCR 2021 è stata progettata e sviluppata tenendo conto dei tre seguenti fattori prestazionali.

Class leading Efficiency

Aggiungere elementi aerodinamici a una bicicletta significa solitamente aggiungere più peso. Per raggiungere l'obiettivo di mantenere il miglior rapporto rigidità-peso della categoria, era essenziale ridurre al minimo il peso ove possibile per compensare la massa aggiunta nelle aree del telaio modificate per miglioramenti aerodinamici. Questo compito è stato in parte raggiunto utilizzando quattro nuovi processi produttivi innovativi:

L'ultima frontiera delle performance delle bici da corsa è la ricerca di una migliore aerodinamica. Mentre il peso e la rigidità svolgono da sempre un ruolo essenziale nelle prestazioni complessive, ridurre al minimo la resistenza aerodinamica rimane l'unica grande opportunità per distinguersi nettamente dalla concorrenza. Il team di ingegneri di Giant ha combinato la fluidodinamica computazionale (CFD) e i test in galleria del vento per creare forme aerodinamiche che, se valutate come un unico sistema integrato, sono in grado di offrire il massimo delle prestazioni su strada. Fondamentale nello sviluppo di questo processo è la convinzione che qualsiasi prodotto debba funzionare al meglio tanto su strada quanto nella galleria del vento.

Con la sua tecnologia di freno a disco completamente integrata, la nuova TCR Advanced SL Disc offre una potenza di frenata superiore e un maggiore controllo in qualsiasi tipo di condizione metereologica. Questa era una richiesta fondamentale da parte dei nostri ciclisti professionisti, che in genere corrono per ore su terreni molto diversi tra loro e affrontano discese e curve ad alta velocità.

Integrazione del Freno a Disco

Il nuovo telaio è stato progettato per freni a disco con attacco flat mount per una potenza di frenata costante in tutte le condizioni. I setup del perno passante anteriore (12x100mm) e posteriore (12x142mm) producono precisione di sterzata e rigidità senza rivali, risparmiando peso.

Nuovo Design della Forcella

Per aumentare la rigidità dello sterzo, i nostri ingegneri hanno completamente riprogettato la forcella, dal perno passante fino alla corona, per fornire una rigidità torsionale aumentata fino al 35% e per migliorare il flusso aerodinamico dell'aria senza aggiungere peso rispetto alle forcelle montate sulle TCR di generazione precedente. Anche la distanza tra telaio e forcella è stata aumentata su tutti i nuovi modelli TCR. I ciclisti possono ora scegliere pneumatici con un volume fino a 32 mm* per una migliore aderenza in curva, migliore efficienza e maneggevolezza su strade più difficili. *sui modelli con freno a disco