Van Avermaet Guida Il Team CCC nella ripresa della stagione ciclistica su strada!

domenica 2 agosto 2020

Team / Atleti

È stata una settimana che i fan e i corridori stavano aspettando da mesi. Dopo una lunga pausa, la stagione UCI WorldTour 2020 è finalmente ripresa con le Strade Bianche in Italia e due gare a tappe in Francia e in Spagna. Il team CCC si è fatto notare in tutti e tre gli eventi, conquistando diverse top 10: un ritorno in sella convincente che promette bene per la nuova stagione.

Il capitano della squadra CCC, Greg Van Avermaet, ha cominciato la stagione con un ottavo posto alla Strade Bianche in Italia. Il belga ha affrontato un estenuante percorso di 184 km che includeva 11 settori di ghiaia (63 km in totale) sulle famose strade bianche della Toscana, da cui prende il nome la gara, fino raggiungere la top-10.

Conosciuta per essere una delle gare più difficili del calendario, la Strade Bianche di quest'anno è stata resa ancora più difficile dopo lo spostamento della data originariamente programmata per marzo ad agosto. Le temperature erano molto più calde (36 gradi C) rispetto a quelle che ci si poteva aspettare in primavera e i tratti in ghiaia erano polverosi e asciutti.

"È stato davvero uno dei giorni più difficili della mia carriera in bici", ha dichiarato Van Avermaet. “Come mi aspettavo, faceva molto caldo e la ghiaia era estremamente difficile da affrontare. Sono riuscito a stare sempre in una buona posizione in ogni settore e le gambe sono state reattive per tutta la corsa. Nonostante questo, ho anche sentito molto il calore e dopo il primo grande sforzo ho sentito di aver perso subito molte energie.

In sella alla sua bici TCR Advanced SL Disc montata con ruote CADEX 42 Disc e indossando il casco Giant Rev Pro, Van Avermaet ha fatto una mossa decisiva nel quinto settore quando con un gruppo di 40 ciclisti si è separato dal gruppo. Il campione olimpico del 2016 è stato raggiunto dai compagni di squadra Alessandro De Marchi e Simon Geschke. Il gruppo ha continuato a ridursi nei settori di ghiaia fino a che non sono rimasti otto corridori, compreso Van Avermaet, a 40 km dalla fine.

"Sono stato lì nel primo gruppo e ho provato a seguire i ragazzi il più a lungo possibile", ha detto Van Avermaet. "Sono contento di come è andata. Ero piuttosto stanco dopo il traguardo, quindi sono consapevole di aver dato molto."

In un'altra gara della settimana di ripresa, lo spagnolo Victor de la Parte ha preso parte alla Vuelta a Burgos, una gara di 5 giorni montuosa in Spagna svoltasi dal 28 luglio all'1 agosto. Considerata una gara di riscaldamento chiave per i grandi classici, la corsa ha offerto diverse battaglie sulle montagne e de la Parte è sempre stato nelle posizioni di testa, finendo 11° nella classifica generale.

"È stata una settimana davvero dura alla Vuelta a Burgos con un gruppo di livello WorldTour", ha detto de la Parte. “Abbiamo affrontato diverse situazioni sfidanti nei cinque giorni di gara: è stato sicuramente un buon modo per ricominciare la stagione. Sono contento di quello che ho fatto e della mia forma fisica attuale."

Tra le gare della prima settimana di ritorno alle corse ciclistiche c'era anche la La Route d'Occitanie - La Dépêche du Midi in Francia. La gara a tappe di quattro giorni si svolge dall'1 al 4 agosto con diversi partecipanti al Tour de France in competizione. Josef Černy, campione nazionale ceco 2018 nella corsa su strada e nella cronometro, è partito con un ottimo risultato per il Team CCC, finendo settimo con uno sprint nella tappa 1. Nella seconda tappa, il campione nazionale polacco Michal Paluta è passato in testa alla classifica generale giovanile.

"Siamo stati davvero felici di tornare a correre", ha detto Černy, che ha guidato la sua bici TCR Advanced SL Disc e indossava il casco da strada Giant Pursuit. “È stato un inizio difficile, soprattutto con la temperatura che ha toccato i 42 gradi ad un certo punto. Alla fine mi sono sentito un po 'stanco per il caldo, ma volevamo provare a portare la maglia CCC Team nelle parti alte della classifica, e il settimo posto non è un cattivo risultato per ricominciare la stagione.

Condividi