Messaggio importante sul COVID-19  Scopri di più

Ottima partenza al Tour de France per il Team CCC

domenica 30 agosto 2020

Team / Atleti

Il Team CCC ha dato il via al suo Tour de France 2020 con una prestazione convincente nelle prime due tappe a Nizza, animata dagli sprint di Matteo Trentin e mancando di poco una vittoria nella seconda tappa.

Il 107 ° Tour de France presenta uno dei percorsi più difficili mai visti. Il fine settimana di apertura è stato ricco di emozioni per gli appassionati, con condizioni meteorologiche difficili e gare impegnative dentro e intorno alla città di Nizza, sulla costa mediterranea.

Il pilota svizzero Michael Schär ha dato il via alle danze, lanciando una fuga nella parte iniziale della tappa 1. In sella alla sua bicicletta Propel Advanced SL Disc con un WheelSystem CADEX e indossando il casco Giant Rev Pro, Schär è stato raggiunto da altri due corridori in fuga e i tre hanno costruito un vantaggio notevole mentre la pioggia ha cominciato a cadere.

"Sapevo che la pioggia avrebbe reso la gara imprevedibilie e non è stato facile affrontare le discese", ha detto Schär. "In realtà mi sentivo molto a mio agio e molto fiducioso grazie alle mie gomme CADEX e la pressione degli pneumatici era perfetta."

Schär ha vinto i punti KOM nella seconda salita della giornata, ma sfortunatamente una caduta negli ultimi chilometri lo ha portato dietro al compagno di fuga Fabien Grellier, che ha conquistato la maglia a pois per la classifica degli scalatori.

"Arrivando in fondo con gli stessi punti, abbiamo dovuto spingere fino alla fine per essere i primi a tagliare il traguardo e ottenere la maglia", ha detto Schär. "Purtroppo mi sono trovato in mezzo alla caduta con tutti i velocisti, la peggiore posizione possibile dove trovarsi a 3 km dalla fine. Forse c'era lo spazio sufficiente per frenare ma il terreno era davvero scivoloso e non sono riuscito a controllare la ruota finendo per terra, fortunatamente senza farmi male".

Alla fine, Schär è stato incoronato "il più combattivo" della tappa.

Il giorno seguente ha visto un'altra gara emozionante, con il leader del Team CCC Greg Van Avermaet vicino alla vittoria. Il belga si è messo in evidenza in una tappa di montagna che ha visto due salite Cat. 1 più due salite del Col d’Eze.

Verso la fine della gara, un gruppo di pochi corridori, tra cui Van Avermaet e il suo compagno di squadra Ilnur Zakarin, è rimasto in testa prima della salita finale. Il francese Julian Alaphilippe ha lanciato un attacco, con altri due piloti che si sono uniti a lui, e il trio ha guadagnato un vantaggio di circa 20 secondi.

Nell'ultimo chilometro, il gruppo di Van Avermaet si stava avvicinando ai tre leader ma alla fine è arrivato a 200 metri di distanza. Van Avermaet ha vinto lo sprint di gruppo arrivando quarto, ma Alaphilippe ha finito per ottenere la vittoria di tappa e la maglia gialla.

"L'obiettivo era di poter conquistare la maglia gialla e vincere la tappa, quindi ho dato tutto come fosse stata una gara di un giorno", ha detto Van Avermaet - che ha guidato la sua TCR Advanced SL Disc con sistema di ruote CADEX e sella Boost - "Sfortunatamente, a 10km dall'arrivo tre avversari si sono staccati dal gruppo finale. Nelle corse tutto può succedere e loro sono stati più bravi e reattivi. Ho giocato le mie carte ed è stata una grande delusione. "

Nonostante la delusione, Van Avermaet rimane fiducioso per le opportunità future: “Le gambe stanno rispondendo bene. Spero che questa non sia stata l'ultima possibilità per me di vincere una tappa".

Condividi