Iden vince l'Ironman Kona, batte il record del percorso!

sabato 8 ottobre 2022

Team / Atleti

Il triatleta Gustav Iden ha dato un'esibizione unica ai Campionati Mondiali Ironman del 2022 a Kona, nelle Hawaii, vincendo la gara nel suo primo tentativo in assoluto.

Iden ha conquistato Kona con uno straordinario tempo di 7:40:24, battendo il record di 7:51:13 del tedesco Jan Frodeno di oltre 10 minuti. Il 26enne norvegese ha anche stabilito un nuovo record di percorso per la maratona, terminando la corsa di 26,2 miglia in 2:36:15, diventando il primo uomo in assoluto a raggiungere una media di un ritmo inferiore ai sei minuti.

Il compagno di allenamento di Iden e il collega norvegese Kristian Blummenfelt, che è entrato in gara come campione del mondo Ironman in carica, si sono uniti a lui sul podio, finendo terzo, poco più di tre minuti indietro, battendo anche il precedente miglior tempo di sempre a Kona. È stata una giornata trionfante per entrambi, gli unici due norvegesi ad aver mai vinto il titolo.

"È stato davvero dannatamente difficile", ha detto Iden, che durante la corsa ha indossato il suo "cappello fortunato", che porta il nome di un tempio taiwanese e lo ha tenuto imbattuto nelle competizioni. "Tutto stava andando abbastanza liscio fino a quando non ho catturato Sam Laidlow, e poi quando l'ho superato, oh mio Dio, l'isola ha davvero, davvero cercato di abbattermi. Ma penso che il mio cappello debba essere più forte della leggenda dell'isola".

Iden sembrava forte dall'inizio e non ha mai vacillato sul suo piano per la giornata. Ha terminato la nuotata di 2,4 miglia in un gruppo di testa di circa 20 leader, quindi ha colpito la bici di 112 miglia sulla sua Giant Trinity Advanced Pro con ruote CADEX Aero. Il francese Sam Laidlow ha stabilito il ritmo sulla moto, mentre Iden e Blummenfelt hanno mantenuto un buon ritmo in un gruppo di inseguitori.

Laidlow ha continuato a stabilire un nuovo record di percorso sulla moto, mentre i due norvegesi hanno tenuto un ritmo perfetto, effettuando la seconda transizione a circa 6 minuti di ritardo. Entrambi hanno iniziato a segnare meno di sei minuti in corsa, mentre il leader Laidlow aveva una media di 6:13. Poco prima del miglio 19, vicino alla famigerata sezione Energy Lab, Iden fece la sua mossa e lasciò Blummenfelt alle spalle.

A quel punto sembrava inevitabile che Iden avrebbe inseguito Laidlow per il comando. Il norvegese stava solo diventando più veloce e alla fine ha barcollato sul 23enne Laidlow al miglio 22. Iden gli ha dato una pacca sulla spalla e il pollice in su mentre passava.

"Ho eseguito il mio piano abbastanza bene, in realtà", ha detto Iden, che ha indossato il suo casco Giant Pursuit TT per la gamba della bici. “Kristian stava spingendo su per la collina da Energy Lab e io ho aspettato qualche minuto in più e ho spinto quando il vento è cambiato. Penso che il mio piano fosse abbastanza solido per un principiante.

Iden ha continuato a vincere di due minuti su Laidlow, tagliando il traguardo, stringendo il traguardo e celebrando il suo risultato. Dietro di lui, Blummenfelt ha lottato duramente per tenere a bada l'australiano Max Neumann e unirsi al suo amico e compagno norvegese sul podio.

Condividi