Messaggio importante sul COVID-19  Scopri di più

Due chiacchiere con Leonardo Páez

giovedì 1 luglio 2021

Giant

Classe 1982 e due volte campione del mondo nella specialità MTB Marathon, Leonardo Páez è l’atleta portabandiera del team Giant Polimedical, di cui fa orgogliosamente parte.

Abbiamo avuto l’opportunità di scambiare due parole con Leonardo Páez, atleta colombiano del team Giant Polimedical, per farci raccontare i pensieri e le sensazioni che lo accompagnano in questo periodo, tra riflessioni sul presente e programmi per il futuro.
 
Ciao Leo, come stai? Come procede il tuo allenamento in questo periodo dell’anno?
Ciao ragazzi, le cose vanno alla grande! In questi mesi, complice la situazione generale che sta migliorando, allenarsi è diventato più facile: rispetto all’anno scorso si può uscire con meno complicazioni, di conseguenza si può seguire con più costanza una tabella di allenamento completa. Per esempio, mi sto concentrando su allenamenti specifici che non avevo avuto modo di perfezionare, come simulazioni di gara, lavori ad alta intensità e sessioni di durata maggiore. E ad essere sincero, sono contento di poter tornare ad allenarmi in sella perché l’attività in palestra non mi piace molto: ci vado poco e al massimo faccio qualche esercizio a corpo libero.
 
Ottimo, ci fa piacere sentire che la tua tabella di marcia sia tornata a ritmi normali. Guardando avanti, cosa ti aspetti da questa stagione?
Purtroppo, sebbene tante fasi dell’allenamento stiano tornando ad essere regolari, c’è ancora un po’ di incertezza per i prossimi mesi: in una situazione del genere, in cui non possiamo sapere con certezza come verranno gestite le competizioni e le varie gare, non è facile fare previsioni su come sarà l’anno. Però una cosa è certa: comunque vada, ce la metterò tutta.

Passiamo al lato tecnico, e parliamo delle tue bici: quale ti piace di più?
Non ho una risposta unica, perché molto dipende dalla gara che devo affrontare. Della XTC Advanced SL 29, che è una front, apprezzo senza dubbio la stabilità, specie nelle gare con salite lunghe. La Anthem Advanced Pro 29, invece, è una full suspended che risulta comoda e rigida nei percorsi tecnici, e ultimamente la uso spesso.
 
Quando non è in sella, cosa fa il Campione del Mondo?
In realtà anche quando non gareggio mi dedico sempre alla bicicletta: prima ancora che atleta sono un grande appassionato, e mi piace prendermene cura facendo un’attenta e regolare manutenzione.
 
Ultima domanda, un’altra curiosità: cosa avrebbe fatto Leonardo Páez se non fosse diventato un ciclista professionista?
Quando ho iniziato ad andare in bici ero un ragazzino, la usavo per andare a scuola. Poi ho iniziato a gareggiare e a vincere, e da lì ne ho fatto il mio lavoro. Onestamente non immagino un’altra strada: in sella mi sento realizzato, e oggi sono davvero contento.

Le biciclette Giant a fianco del Campione del Mondo
Ad accompagnare Leo ci sono ovviamente le sue fidate MTB Giant, la XTC Advanced SL 29 e la Anthem Advanced Pro 29. Rispetto all’anno scorso, entrambi i modelli sono stati aggiornati con componenti di rinnovata qualità e soprattutto due speciali telai in edizione limitata.
Vediamole nel dettaglio.

XTC Advanced SL 29 – World Champion Edition

Il telaio di questa hardtail è progettato per risultare ultraleggero e stabile in ogni fase di gara: il suo rapporto ottimale tra rigidità e peso e la stratificazione dei materiali con cui è realizzato rendono questa bici maneggevole e precisa anche sui tratti di percorso più impegnativi. Non è un caso se, soprattutto sui sentieri di XC caratterizzati da lievi pendenze, questo sia il modello prediletto dal campione colombiano. Proprio in sella alla XTC Advanced SL 29, lo scorso ottobre Páez ha conquistato per la seconda volta consecutiva il titolo di campione del mondo di MTB UCI Marathon a Sakarya, in Turchia. Su un tracciato veloce ma costellato di salite lunghe e insidiose, poter contare su un mezzo affidabile e robusto come la XTC Advanced ha fatto la differenza.

Esteticamente, il telaio in edizione limitata World Champion  presenta una colorazione alternata in bianco/nero, rifinita da dettagli blu, rossi, gialli e verdi per simboleggiare i colori della maglia iridata di campione del mondo UCI. Ad impreziosire il tutto, il soprannome che ha ereditato Leo dai suoi tifosi, #LionPáez, è inciso in alcuni punti del telaio: un chiaro riferimento alla grinta che il colombiano mette in ogni competizione.

Anthem Advanced Pro 29 – World Champion Edition

L’altra alleata di Páez è la sua Anthem Advanced Pro 29, una full-suspension che esprime il massimo delle sue potenzialità sui percorsi di Cross Country, soprattutto nelle discese tecniche e nei tratti veloci. Progettato per rispondere alle esigenze di tutti quei ciclisti che – proprio come Páez - in sella cercano stabilità e reattività senza pari, il telaio di questa Anthem Advanced Pro 29 integra un sistema di sospensioni posteriori Maestro, con un ammortizzatore da 90 mm con attacco Trunnion. Una caratteristica che garantisce alla bici di avere un bassissimo rapporto di leva, con di conseguenza una maggiore sicurezza in frenata e una pedalata più efficiente, anche in salita. Infine, i foderi più corti del telaio e le ruote da 29 pollici con cui può essere equipaggiata la bici offrono maggiori stabilità e controllo, sia in salita che nei segmenti sconnessi.

Da un punto di vista estetico, il telaio speciale della Anthem Advanced Pro 29 presenta un design elegante ma deciso: oltra al nero lucido che lo copre totalmente, sono presenti vari richiami di colore a ricordare la maglia di campione del mondo. Anche in questo caso è presente il soprannome #LionPáez inciso in più punti.

#GiantBicyclesIt

Condividi